G.E.N.E.R.A UMBRIA
Procreazione Medicalmente Assistita

Orari di apertura : Lun – Mer – Ven: 14:00 - 20:00 Mar – Gio: 8:30 - 13:00
  Contatti : +39 075 9417716

Percentuali di successo

I nostri risultati sono in linea con i migliori centri europei. Vengono riportati i dati 2010-2014 (dati del nostro centro anche inviati al registro nazionale PMA del Istituto Superiore di Sanita, ISS).
Le percentuali di successo dei differenti trattamenti di procreazione assistita sono legate all’età della donna, alla causa di infertilità e possono variare notevolmente da coppia a coppia e da ciclo a ciclo. Per ogni coppia viene scelta dalla nostra equipe un protocollo personalizzato in modo da ottimizzare i risultati per ciclo di trattamento. La nostra grande esperienza e l’alto livello tecnologico ci permette di avvalerci infatti di tutte le più sofisticate tecniche di fecondazione assistita.

Vengono di seguito riportati i risultati ottenuti nei nostri centri negli anni 2010, 2011, 2012, 2013 (dati inviati al Registro Nazionale PMA del Istituto Superiore della Sanità).

CICLI FIVET / ICSI A SEGUITO DI STIMOLAZIONE OVARICA:

Nel periodo 2010-2013 sono stati effettuati 262 cicli di prelievo ovocitario (OPU) per fecondazione assistita (FIVET-ICSI) di cui 249 sono giunti al trasferimento embrionale (ET) con embrioni freschi e/o congelati. Il numero medio di ovociti maturi ottenuti è stato 4.1 per stimolazione. Questo numero varia notevolmente a seconda dell’età della donna, della riserva ovarica e del protocollo di stimolazione. Nelle donne con età inferiore a 35 anni vengono di media ottenuti circa 7.2 ovociti maturi.
Il numero di ovociti da inseminare non è stato fisso ma è determinato dal medico responsabile del trattamento in modo da ottimizzare il trattamento nel caso specifico (sentenza corte costituzionale 151/2009). Il tasso di fecondazione ovocitaria è risultato essere superiore al 70%. La qualità morfologica degli embrioni è risultata essere altamente variabile da coppia a coppia ed indipendente dall’età della donna.
La probabilità di ottenere una gravidanza viene espressa in percentuale per embryo transfer (ET) prelievo ovocitario (OPU) e per paziente. Per gravidanza clinica s’intende la presenza di almeno una camera gestazionale osservata all’ecografia, per gravidanza a termine si intende una gravidanza che abbia esitato in un parto.


grafico1

grafico2
Vengono di seguito riportate le probabilità di successo a seconda dell’età della donna che risulta essere il fattore più importante nel predire la gravidanza. Tali dati si riferiscono a trasferimenti di embrioni a diversi stadi di sviluppo (2, 3 giorni o blastocisti al 5/6 giorno) freschi e congelati.

Per meglio approfondire la relazione tra età della donna e probabilità di successo, vengono di seguito riportati i tassi di impianto (=numero di embrioni che hanno dato vita ad un feto) ottenuti con embrioni allo stadio di blastocisti (embrioni di dimostrata vitalità ad uno stadio di sviluppo avanzato) con o senza diagnosi genetica per valutarne l’assetto cromosomico (PGS) nei centri genera.
grafico3

Dal 2013, alla luce dei nostri risultati e della letteratura scientifica internazionale ed in assenza di altre indicazioni specifiche, vengono trasferiti un massimo di 2 embrioni in coppie in cui la partner femminile ha un età inferiore a 40 anni. Viene inoltre consigliato il trasferimento di una singola blastocisti nelle donne con età inferiore ai 35 anni o di una singola blastocisti euploide nei casi di diagnosi pre-impianto in tutte le fasce di età della donna.